Racing

Come abbiamo scritto ieri, il nostro Socio e  Consigliere Alberto Carobbio, ha il vizio di correre.Come raccomandiamo sempre, si corre in pista e non in strada e il nostro Alberto in pista ci sa fare. Sabato sul circuito di Adria ha ripetuto il suo miglior risultato, un secondo posto a 8/10 dal primo, dopo una battaglia di oltre un ora e ripetuti sorpassi. Ecco le foto della gara e del nostro Alberto:

Costa poco e il divertimento è assicurato. Per fare due sgommate in pista e credersi, almeno per qualche ora, un piccolo Alonso bastano solo: 12.000 euro: in cambio vi verrà dato tutto ciò che occorre per partecipare ad un vero e proprio trofeo monomarca. Persino la vettura.
E’ la Kia Rio Sport Cup, Trofeo giunto alla sua seconda edizione (e le cui iscrizioni si sono appena aperte), promosso da Adria International Raceway, Kia Motors Italia, SportAutoMoto. I risultati della prima annata hanno convinto gli organizzatori a proseguire l’impresa: nel 2006 quasi cento appassionati hanno debuttato in pista con la berlinetta coreana. Debuttanti assoluti erano anche i vincitori Paolo Bogo, Flavio Chiusso, Lorenzo Medori riuniti nel team Brakkobalda.

Nel budget richiesto per le sei gare del trofeo è compreso praticamente tutto: i materiali di consumo per prove e gare (pneumatici, carburante, olio, freni…), l’abbigliamento tecnico ignifugo (casco, tuta, sottocasco, guanti, scarpe, calze), licenza Csai e visite mediche sportive, borsone e abiti personalizzati (maglione e berretto in pile, giaccone con gilet, magliette), corso di guida sicura con istruttori qualificati.

Spinta da un propulsore turbodiesel da un litro e mezzo, la Rio esprime una potenza di 110 cavalli sufficienti a garantire un rapporto peso potenza di tutto rispetto. E l’assetto ribassato e irrigidito la rende e divertente come un kart. La Rio, inoltre, dispone di tutti i sistemi di sicurezza propri di un’auto da corsa: rollbar, sedili racing con cinture a sei punti, estintori, staccabatteria.

Ogni vettura sarà condivisa da un equipaggio di tre componenti che sosterranno un turno di quarantacinque minuti ciascuno, nell’ambito di una gara di durata che, comprese le necessarie soste ai box e i cambi pilota, si svilupperà in un’ora e mezza. I risultati di ogni gara serviranno a definire la graduatoria finale del campionato. Ai vincitori andrà una vettura Kia.

Alla classifica generale si affiancheranno la femminile, la over 40 e la rookie, riservata ai debuttanti assoluti. E i partecipanti non si divertiranno solo in pista. Per loro saranno previsti spettacoli esclusivi e concerti il sabato sera con musicisti di primissimo piano, all’interno dell’area spettacoli realizzata all’interno del grande paddock coperto, la struttura unica al mondo che caratterizza Adria International Raceway. I piloti riceveranno gratuitamente anche il servizio di ristorazione, curato dagli chef del circuito.

Autore: francos

Condividi questo articolo

2 Commenti

  1. Bravo Alberto!
    Ho anche visto dalla foto del podio che era quello più fresco… Gli altri due sembrano un po’ sconvolti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: