Buone Vacanze
Lug30

Buone Vacanze

Audi TT Club Italia augura a tutti i Soci delle felici e rilassanti vacanze. Noi ritorneremo con le News ai primi di settembre…    

Continua a leggere
Se la TTre ritorna….
Lug19

Se la TTre ritorna….

Avevano provato a spaventarci, a insinuare paure nella nostra passione… poi infine Audi ha tolto i veli e scoperto le carte! La TT Mk3 ha un futuro nel nuovo restyling. Queste le foto e il comunicato Audi della nuova TT Mk3.     Twenty years after the series premiere of the original TT, the third generation of the Audi TT is receiving a comprehensive update. The design icon takes the stage with a sporty and refined exterior design, higher-powered engines and an extended scope of standard equipment. The first generation of the Audi TT made its series premiere in 1998. Three years before, Audi had already presented the TT as a concept car – a Coupé was shown at the IAA in Frankfurt and a Roadster was presented at the Tokyo Motor Show. Within a short time after the market launch, the TT Coupé had moved to the top of the segment. The Audi TT stands for driving pleasure, design and close attention to detail: aluminum elements in the driver-oriented interior, progressive rim design, a short, ball-shaped gear lever knob, characteristic tank flap and round, dual-branch tailpipes are among the typical features of this compact sports car. The design with its incisive geometric forms has fans all over the world. Refined, enhanced, extended Right on time for the 20th anniversary of the first Audi TT, the brand is especially highlighting the sports car character of the new model. Audi has accordingly refined the design of the new TT, enhanced its performance and extended the range of standard equipment. Besides the driver-oriented Audi virtual cockpit, the basic version of the new model now features the Audi drive select dynamic handling system, a rain and light sensor, heated exterior mirrors and the multifunction steering wheel plus, with which the infotainment and voice control system can be controlled entirely using the steering wheel. Also standard are the illuminated USB ports as well as Bluetooth for wireless pairing of devices. Sporty and expressive: the exterior design More masculine, more progressive and even sportier than before – the exterior design of the new TT. The front features a three-dimensional Singleframe radiator grille. Large side air inlets emphasize width even in the basic version. At the rear, horizontal lines again underscore the width of the new Audi TT. There is no cap underneath the tank flap with its classic TT design; the driver can insert the gas pump nozzle directly into the opening – a typical sports car feature. Headlights with LED or Matrix LED technology are optionally available. The dynamic turn signals are a visual highlight here. The new designed, optional S line exterior...

Continua a leggere
Run the Ring 2018 – Meeting Point
Giu26

Run the Ring 2018 – Meeting Point

29 giugno – Appuntamento  ore 08.30, Autostrada A8 Milano Laghi Area di servizio Villoresi Est direzione Varese tra Arese e Lainate. Ore 09,00 Frontiera di Como Chiasso direzione Basilea per il tagliando autostradale svizzero (38 €), poi si prosegue per Freiburg, Karlsrühe, Mannheim, Koblenz, Nürburg. Sistemazione nei vari alberghi e Hotel. Cena e riposo. Ricordiamo ancora di dare un ultimo controllo alle TT prima di preparsi al viaggio: olio, acqua e pressioni gomme sono i controlli standard da fare prima di un lungo viaggio. Buon...

Continua a leggere
Run the Ring 2018 – I tempi sul giro
Giu25

Run the Ring 2018 – I tempi sul giro

Tempi sul giro Il Nürburgring è uno dei circuiti mitici del motorsport e si snoda intorno al castello di Nürburg in Germania, noto anche come “Ring”. Attualmente è diviso in due sezioni, una più corta e l’altra più lunga: il Gp Strecke (circuito Gp), da 5,1 km (4,542 senza la porzione detta Mercedes Arena) e la Nordschleife ridotta a 20,832 km. In totale la pista conta 98 curve (16 Gp Strecke – 73 Nordschleife). Da alcuni anni la Nordschleife è sempre più utilizzata dalle case automobilistiche di tutto il mondo come pista di prova per testare e sviluppare i prototipi dei nuovi modelli di vetture da lanciare sul mercato. La particolare conformazione del circuito, che alterna curve lente a curve veloci, rettilinei a saliscendi, lo rende completo dal punto di vista tecnico e perciò un ottimo banco di prova per stabilire la validità di un progetto. Inoltre viene utilizzato da molte case automobilistiche per scopi promozionali data l’importanza della pista, teatro in passato di sfide epiche anche in Formula 1, si presta molto bene a prove di automobili stradali e i tempi ottenuti sul giro sono un buon termine di paragone per appassionati o potenziali acquirenti. Vi ricordiamo che CRONOMETRARSI E’ PERICOLOSO E ALTAMENTE SCONSIGLIATO. Il vostro ritmo si alzerà naturalmente con l’apprendimento della pista, giro dopo giro, anche se avvicinarsi a questi tempi, realizzati da professionisti, richiede un’esperienza di centinaia di giri e una pratica costante. Godetevi la magia del ‘Ring senza affanni e nel rispetto degli altri utenti della pista, non c’è alcun premio per chi gira in meno tempo. Se proprio volete un paragone, sappiate che Sabine Schmitz, “tassista” BMW, pilotessa e icona del ‘Ring, in una puntata di Top Gear ha fatto segnare un bridge-to-bridge di 10′08″ su un… Ford Transit! Possiamo assicurarvi che al vostro primo giro, per quanti cavalli possiate avere sotto il cofano o la sella, difficilmente riuscirete ad eguagliare questo tempo! Record del Nürburgring Nordschleife: Stefan Bellof, Porsche 956, 28 maggio 1983 – 6′11″130 – Media: 202,073 km/h Questi i tempi delle auto stradali aggiornato ad aprile 2017 1. NextEV Nio EP9 6:45.90  link QUI ’16 2. Porsche 911 GT2 RS 6:47.30  link QUI ’17 3. Radical SR8LM 6:48.00  link QUI ’09 4. Lamborghini Huracan Performante 6:52.01  link QUI ’18 5. Porsche 911 GT3 RS 6:56.40  link QUI ’18 6. Radical SR8 6:56.08  link QUI ’05 7. Porsche 918 Spyder 6:57.00  link QUI ’13 8. Lamborghini Aventador LP 750-4 Superveloce 6:59.73  link QUI ’15 9. Viper ACR-Extreme 7:01.30  link QUI ’17 10. Nissan GT-R Nismo 7:08.68  link QUI ’13 11. Mercedes-AMG GT-R 7:10.92  link QUI ’17 12. Gumpert Apollo Speed 7:11.57...

Continua a leggere
Run the Ring 2018 – info 4
Giu24

Run the Ring 2018 – info 4

Incidente altrui da Ringers.it Le indicazioni che seguono forse potranno sembrarvi eccessivamente prudenti. Non è così; rispettarle è FONDAMENTALE. Chi guida al ‘Ring lo sta facendo ad alta velocità, spesso al limite delle proprie capacità di conduzione del mezzo ed è totalmente concentrato sulla guida. In alcuni casi segnalare un incidente in modo preciso e sicuro è molto importante, ma molto pericoloso. Molti di noi sono stati testimoni di gente (spesso addirittura persone scese dagli spalti e che hanno attraversato a piedi la pista!) che ha causato più pericoli che altro. Prima di fare qualunque cosa, pensate. POI eventualmente agite. E’ facile farsi prendere dall’ansia di salvare qualcuno il più presto possibile, tuttavia questo impeto, senza le dovute attenzioni, può portare a conseguenze mortali per voi e per chi intendete soccorrere. Riportiamo dunque le indicazioni di Ben Lovejoy: “Gli incidenti al ‘Ring sono frequenti, quindi sarà possibile che ogni frequentatore abituale sia testimone o passi vicino ad un incidente appena accaduto. Il pericolo maggiore di un incidente al ‘Ring, viste tutte le curve cieche da affrontare ad alta velocità ed i dossi, è che il veicolo vittima dell’incidente o qualcuno fermatosi a prestare assistenza siano colpiti da qualcun’altro. […] La prima regola di sicurezza è: non fermatevi se non è necessario. Minore è la confusione nella zona dell’incidente, minori saranno le possibilità di un incidente a seguire. Ci sono solo due ragioni per fermarsi: per avvisare il traffico in arrivo quando un incidente non è visibile o per prestare i primi soccorsi quando qualcuno ne ha bisogno urgentemente. -Se dovete fermarvi, fatelo con molta attenzione. Assicuratevi di fermarvi dopo l’incidente e sull’erba – non fermatevi MAI sul circuito a meno che non sia assolutamente inevitabile. -La prima persona accorsa sul posto dovrebbe avvertire il traffico in arrivo. Camminate con attenzione sull’erba, asicurandovi di essere ben distanti dal tracciato onde evitare di causare un incidente per le improvvise sterzate di gente che cerca di evitarvi. -Una volta in posizione, mettetevi dietro il guard-rail. -Agitate le mani per indicare a chi sopraggiunge di rallentare (è una buona idea avere una bandiera gialla o indossare un giubbino catarifrangente). Assicuratevi di essere ben distanti dall’incidente, comunque. Sbracciarsi nei pressi dello stesso potrebbe solo peggiorare le cose, distraendo i piloti, proprio quando devono guardare davanti a sè. -La seconda persona accorsa sul posto dovrebbe chiamare aiuto. Il numero di telefono dell’ufficio posto all’ingresso è: +49.2691.302.215 Avrete bisogno di un telefono cellulare: le cabine poste lungo il circuito non sono attive durante la circolazione pubblica . -La terza persona accorsa soccorre la vittima dell’incidente SE può farlo in condizioni di sicurezza. Se siete in dubbio,...

Continua a leggere
Highlander – ne resteranno solo TTre!
Giu22

Highlander – ne resteranno solo TTre!

Un film che ha spopolato nei fine anni ottanta è stato “Highlander, l’ultimo immortale” e nelle fasi finali della storia, il maestro che allena il protagonista gli rileva la profezia secondo la quale, alla fine “ne rimarrà soltanto uno“. Prendo spunto da questa storia per raccontarvi che delle nostre amate TT ne rimarranno soltanto tre serie: Mk1, Mk2 e l’ultima Mk3! Audi ha deciso che fermerà la produzione delle TT e già da qualche giorno non è più possibile ordinarle ne fare una configurazione sul sito di Audi. Verranno vendute ancora quelle già ordinate e quelle che sono in giacenza presso i concessionari come auto esposte o di cortesia. Questa notizia, che ci viene dai concessionari, fa da compagna a quella di qualche mese fa dove si diceva che la Audi A4 cabrio avrebbe rimpiazzato le A5 e TT aperte. Di fronte a questa notizia shock non possiamo che continuare a coccolare e tenere come tesori le nostre “vecchie”...

Continua a leggere