PAGANI ZONDA

PROGRAMMA

Sabato 24 ottobre visita alla Pagani Zonda :

L’avventura umana di Horacio Pagani ha del sorprendente. La passione per le auto, la velocità e il design lo accompagnano fin da piccolo: a 12 anni, stupisce tutti con i modellini di supercar che costruisce intagliando pezzetti di legno o modellando la creta. Il suo debutto nel mondo delle auto da corsa avviene a 20 anni, con la realizzazione di una vettura di F.3 che gareggia in Argentina con i colori del team ufficiale Renault. Segue una serie infinita di lavori di design industriale nei quali Pagani brucia le tappe dell’apprendimento combinando una miscela di creatività ad una maniacale ricerca della perfezione. Conosce Juan Manuel Fangio, suo idolo di bambino, che diventa il mentore ideale per avvicinarsi a Modena, terra di leggende come Ferrari e Lamborghini. E proprio alla Lamborghini il prodigio si compie. E’ l’Ing. Alfieri ad offrire al giovane Horacio lo spazio per esprimere fantasia e abilità manuali. Inizia come operaio di terzo livello al reparto carrozzeria, ma in breve diventa responsabile del nascente reparto compositi. Partecipa ai progetti salienti di quegli anni: la Jeep LMA, il restyling della Jalpa, il design della Countach Evoluzione (la prima auto al mondo con il telaio completamente in carbonio), la Golf Caddy e la Countach 4 Valvole. Nel 1988 nasce la Pagani Composite Research che segue vari progetti tra cui il restyling della Countach Anniversary, di cui fornisce anche i particolari finali in compositi. Al culmine di questa collaborazione Pagani lavora col team che progetta la Diablo, la Lamborghini P140, la L30 la Diablo Anniversary. La difficile congiuntura creata nel 1992 dagli eventi legati alla Guerra del Golfo non scoraggia Pagani, che continua a credere nella possibilità di realizzare una supercar tutta sua.

Il sogno più grande di Horacio Pagani, comincia a tradursi in realtà nel 1988, quando i disegni preliminari del “Progetto C8” vengono per la prima volta mostrati a Fangio. Il nome stesso della macchina, Fangio F.1, parla del grande campione e sottolinea la stima che Pagani nutre verso di lui. Nel 1992 Pagani inizia la realizzazione del prototipo. Già nel 1993 il primo modellino viene collaudato in galleria del vento presso la Dallara. I risultati positivi aprono una lunga stagione di progetto e di definizione di particolari relativi alla costruzione e al design. Fangio, dal canto suo presenta Pagani alla Mercedes, cui era storicamente legato dai tempi gloriosi delle vittorie in Formula 1. La Casa tedesca non tarda a rendersi conto della validità del progetto e, nel 1994, concede in via ufficiale la fornitura del suo potente motore V12. Dopo altri quattro anni di incessante lavoro Pagani arriva all’omologazione del progetto C8 in versione coupè e spider. Nel 1999 al Salone di Ginevra avviene la presentazione della prima Zonda C12. Oggi Juan Manuel Fangio non c”è più e Pagani ha preferito ribattezzare la sua auto Zonda, dal nome del vento che soffia sulle Ande, per modestia e rispetto verso il grande uomo. L’auto si ispira alleMercedes Gruppo C Frecce d’Argento. Il debutto della Zonda C12 al Salone di Ginevra del 1999 ha creato forte emozione: fin dal primo esemplare essa ha chiaramente fatto capire di non essere un’avventura, uno dei numerosi prototipi destinati a rimanere concept car, ma un sogno che si è trasformato in scintillante realtà.

Pagani Zonda Motori

ore 11.00: ritrovo casello autostradale MODENA SUD
ore 11.15: partenza tassativa per Nonantola
ore 11.40: arrivo stimato presso Abbazia di Nonantola
…veloce visita all’Abbazia -dentro e fuori (no museo, no archivio) in modo da essere al ristorante alle 12.30 (considerate che da Nonantola al ristorante ci vogliono 10 min) “Trattoria da Bollo” Via Nino Bixio, 29 Panzano di Castelfranco Emilia – Modena

MENU’

PRIMI
Tortellini in brodo
Tagliatelle al ragù di prosciutto crudo
SECONDI
Zampone con fagioloni
Arista di maiale con cipolline all’aceto balsamico ed insalata mista
DOLCI & CO
Dolci misti della casa
Caffé, nocino, liquori vari
VINI
Lambrusco Grasparossa di Castelvetro
Pignoletto dei Colli Bolognesi

PREZZO: 30 euro

ore 15.00: (minuto più minuto meno): partenza dal ristorante in direzione PAGANI
…considerando che dal ristorante alla Pagani ci vogliono 10 min possiamo dilungarci a tavola finché vogliamo!!!
ore 15.30: visita alla fabbrica della Pagani Zonda. Costo della visita € 14 a persona.
ore 17.30 rientro

Elenco iscritti

Franco Scuri Chiara Zanghieri Alberto Carobbio
Alberto Martinengo Marco Pettenon Gianni Capelli
Francesco Pallavicini Riccardo Romagnoli Roberto Sironi
Ivan Maccagno Marco Macci Alessandro Anfuso
Alberto Francescon Sergio Piselli Enrico Clemente
Massimiliano Mazzaschi Lorenzo Motta Maurizio Gamberini
Salvatore Pepe Roberto Falusca Valente

LE FOTO

Questo slideshow richiede JavaScript.